Passa ai contenuti principali

Vico dei Bolognesi e Ibrigu, un party per celebrare lo stile

Da due anni Vico dei Bolognesi festeggia la sua felice residenza leccese in Via Matteotti 22 con un'accoglienza fregiata da una vivace fantasia: tratto peculiare dello store gestito dalla famiglia Betocchi, che ad ogni nuova stagione, ridisegna la sua sincera passione per la moda e il design, mettendo in dialogo tutte le tendenze delle aziende italiane più ricercate.

Per il Tropical Party di questa primavera 2018 ospite d'onore è Ibrigu la casa di moda di Salsomaggiore Terme nata dalla spiccata attitudine etica e sartoriale della famiglia Briguglio, riunita eccezionalmente  per presentare la sua nuova collezione

Da lungo tempo nel settore della moda come consulenti per le aziende di abbigliamento e tessiture: Franco, Daria e Luca hanno dato vita ad un progetto unico capace di contenere tutta l'esperienza e lo studio maturato negli anni.

Ogni capo Ibrigu è disegnato con lungimiranza e realizzato con materiali di altissima qualità, applicando l'antica arte della cucitura a mano.

Lo stile è quello etnico-chic, sensazionale elegante ed originale in ogni versione.

Mi fermo a parlare con Luca, il giovane produttore di casa: "Il nostro obiettivo è quello di uscire completamente dai canali industrializzati della moda - mi spiega - per ridare il giusto valore al "fatto in Italia" al "fatto a mano. 

In questo modo noi celebriamo la nostra passione ogni giorno e i nostri clienti la vivono senza inganni tutte le volte che scelgono di indossare una nostra creazione.

Una bella relazione. 
Uno scambio di fiducia reciproca".

"Chiaramente nel progetto Ibrigu c'è anche tutta la missione etica per l'abbigliamento.

Già perché il 90% dei tessuti sono il risultato di un recupero meticoloso diramato tra i mercatini più interessanti del nord Europa; anche per questo motivo lavorare questi materiali è un'esperienza sempre motivante.

E' come maneggiare la storia".

Nel frattempo nel cortile del Vico le suggestioni si moltiplicano e si intrecciano.

Da una parte un antico bancone arredato da folti bouquet di menta, e altri ingredienti speciali offre tutto il suo sostegno ai maestri mixologist di Quanto Basta nella la preparazione di cocktail abbinati al tema tropicale.

Dall'altra le atmosfere musicali dei Tuculianti infondono il ritmo giusto per sublimare gli ospiti della serata.

Per le stanze di Vico dei Bolognesi si passeggia volentieri.


Ogni angolo è studiato per suggerire uno stile, ogni accessorio è esposto con diverse possibilità di abbinamento, ogni stoviglia, tovaglia o tappeto rimanda ad un'ideale di ospitalità, ogni indumento è capace di prestarsi a mutevoli sensazioni, ogni gioiello uno stupore.


Commenti

Post popolari in questo blog

Ascolta la scrittura, è nata Storielibere.fm

Finalmente una piattaforma di Podcasts fatti bene.  Cosa sono i Podcasts? (tutto quello che in Italia stavamo aspettando). Sono trasmissioni radio diffuse via Internet, scaricabili e archiviabili sui propri dispositivi.  Se questa descrizione non vi basta, potete approfondire l’argomento leggendo l’articolo dell’esperto, Jonathan Zenti.

Oggi esce Visages Villages il film che ci spiega perché l'arte è per tutti

Il titolo dice tutto: volti e villaggi, quelli incontrati e catturati da JR e Agnès Varda. Lui 35 anni, lei 89 e qualcosa. JR è il celebre fotografo franco-tunisino che ha affigge per le metropoli del mondo i suoi collage giganti raffiguranti uomini e donne comuni (ce ne sono anche in Italia, a Napoli sui marciapiedi della passeggiata a mare); Agnès Varda è la regista, sceneggiatrice fotografa belga, autrice di Cleò, prima donna da Oscar, esclusiva esponente della Nouvelle Vague.

Viaggio in Toscana, senza pioggia

Premessa: prima di partire ho dato uno sguardo alle previsioni meteorologiche calcolate dal 28 marzo al 3 aprile (un'abitudine che non mi appartiene, ma considerati i tempi incerti delle ultime due stagioni ho fatto un'eccezione, e tale rimarrà). A poche ore dal volo la tabella riassuntiva della Toscana, presenta una serie inequivocabile di illustrazioni a soggetto fisso, temporale. Una dichiarazione di guerra.


Ma per cinque giorni di fila, la nona beatitudine ha dato prova della sua fondatezza, rivelando (ancora una volta) che "colui che non si aspetta nulla, non rimane mai deluso".

Walter Siti: "il denaro non paga più"

C'è stato un tempo in cui gli avanzamenti professionali, camminavano di pari passo con quelli sociali e l'ingresso all'età adulta coincideva con i primi stipendi. "Io stesso - dice Walter Siti - a 39 anni, all'esordio da insegnante universitario avrei potuto farmi accreditare il mensile sul conto corrente, ma ogni 27 sceglievo di presentarmi allo sportello, per gustarmi soddisfatto il mio compenso, banconota su banconota. Ricordo il piacere di pagare: una sensazione di trionfo". 

Perché interrogare le tre fotografie di Aldo Moro

Ce lo spiega Marco Belpoliti con la riedizione del volume "Da quella prigione. Moro Wharol e le Brigate Rosse" in un dialogo con il fotografo Ferdinando Scianna, durante il quale vengono analizzate le polaroid scattate dai brigatisti al prigioniero, insieme alla terza, che ritrae il Presidente della DC accartocciato nel baule della R4 il 9 maggio del 1978, esattamente quaranta anni fa.

Manifesto della terza medicina, un’ora con Franco Arminio

Pubblicato per la collana piccole gigantesche cose della casa editrice AnimaMundi, ‘Manifesto della terza medicina’ di Franco Arminio è davvero un piccolo gigantesco capolavoro sul bisogno di salute e di malattia che l’uomo ha.

Perché Palermo

Perché Palermo parla chiaro, ti spiega le cose per bene e tu le capisci.
Emblema delle migrazioni, del cambiamento climatico, delle intersezioni geografiche, delle stratificazioni sociali, Palermo parla il dialetto con tutti, pure con l’Africa del Nord e il Medioriente, e si fa capire. Non gliene frega niente se non hai tempo, se ti scade il grattino, devi andare in bagno, se sei in vacanza, in esilio, in cerca di un rifugio o di un lavoro, per lei è sempre il momento adatto per spiegarti come il mondo l'ha cambiata e come lei continua a cambiare il mondo (e in quel frangente sta cambiando anche te).

Il cinema è partecipazione

Nasce nel solco di un “futuro aperto” il progetto Formula Cinema di Matera 2019 co-prodotto da Allelammie, tira dentro i soggetti e le storie di tutta la comunità lucana ed ha la firma di Mohsen Makhmalbaf, il regista iraniano di “Viaggio a Kandahar”, tra i maestri mondiali del Cinema del Reale.

Il cortometraggio vincitore dell'Oscar racconta la vita di una scultrice

Mindy Alper è una brillante scultrice 56enne, esponente dell'Outsider art, tormentata da un grave disordine mentale ma con un'acutissima consapevolezza di se, della sua arte e della sua complessità, lei è la protagonista assoluta del cortometraggio che ha vinto l'Oscar 2018 "Heaven is a Traffic Jam on the 405".